Le cose non sono mai quello che sembrano ©. Clicca sull'immagine.

Le cose non sono mai quello che sembrano ©.           Clicca sull'immagine.
Il primo romanzo di Mancio M. Ruggiero

DAVID GILMOUR LIVE AT POMPEI; VISTO AL CINEMA




Lo "Zio Dave" al cinema? Il live di Pompei? Non possiamo mancare!




E così lo abbiamo fatto, esattamente due anni dopo aver assistito al meraviglioso concerto di David Gilmour all'Arena di Verona.
14 Settembre 2015
14 Settembre 2017
In mezzo un concerto che non andammo a vedere nonostante fosse a Pompei e nonostante la tentazione sia stata fortissima.



Io, Francesco, Umberto, Vito e Giuseppe con le stesse maglie acquistate al concerto, ci siamo recati al cinema per gustarci uno spettacolo di cui già avevamo goduto, ma con la cornice di una città sospesa nel tempo e che nello stesso tempo aveva immortalato per sempre i Pink Floyd nel 1971 (mio anno di nascita) attraverso un evento tanto storico quanto strano, senza pubblico, solo con la musica ed i "fantasmi del passato".



Anche David Gilmour ha parlato di fantasmi del passato, sia quelli più recenti riferendosi alle persone che non ci sono più, che quelli stessi che fecero compagnia all'epoca.

Com'è stato il film?
Difficile dirlo a bruciapelo, se lo si chiede così.
Iniziamo con il dire che non è un film, quindi ci togliamo dall'imbarazzo di voler dare pareri da critici cinematografici.

E' un documentario?
In qualche maniera si, anche se qualche minuto di introduzione ed un intero concerto...
fa in modo che sia difficile anche sposare questa definizione.

Sta di fatto che in qualunque modo lo vogliamo chiamare c'è stato un clamoroso exploit per
David Gilmour - Live at Pompeii,
il documentario musicale che segna l'inizio di stagione per le uscite Nexo Digital ha sbancato il botteghino vincendo la giornata d'esordio (13 Settembre) con 251mila euro, superando Cattivissimo Me 3 e Dunkirk che si fermano rispettivamente a 203 e 202mila euro.

E quindi cos'è?

E' un concerto!



Quello di un artista incommensurabile che sfoggia un grandissimo repertorio contenente per la maggior parte quello dei Pink Floyd.

A parer mio, comunque assistere dal vivo è un'altra cosa; certo lo show visto al cinema ci mostra il primo piano, il sudore, lo sguardo tra i membri della band, la maniera di suonare, la concentrazione, la fatica, ghigni e preoccupazioni, ma tutta questa "radiografia" non arriva alla sensazione di vivere un evento che per quanto sia lo stesso, non accade in quel momento, ma è registrato.

Ovviamente io parlo così perché mi piace andare per concerti e soprattutto perché lo show di Gilmour .
Nonostante ciò sono stato molto felice di aver assistito a questa versione che è comunque emozionante (altrimenti neanche i dischi varrebbe la pena acquistare).
Chi non ha mai visto un live di David o dei Pink Floyd si macchia di un peccato musicale gravissimo 😉 e specialmente per questi peccatori dovrebbe essere assolutamente imperdibile 😀.

Le immagini trasmette danno comunque un'idea abbastanza precisa di quella che è potuta essere la serata, della location e della performance della band.

45 anni dopo, non si ritrovano , quindi, altri Pink Floyd oltre Gilmour, ma grandi professionisti con un ottimo curriculum.
C'è chi ha suonato con Michael Jackson, chi con l'Allman Brothers Band -bravissimi tutti, grandi i coristi,  ma il repertorio è tutto Floydiano (anche quello da solista dello "Zio Dave").

"One of These Days" è l'unico brano eseguito anche nel 1971,
anche se la differenza sostanziale è data soprattutto dall'evoluzione della tecnologia, un repertorio che nel frattempo è andato parecchio avanti, ma soprattutto la presenza di pubblico.

Insomma chi ha investito un bel po' per andare a vedere dal vivo questo show, avrà sicuramente piacere nel rivederlo, riaccendendo la memoria e le sensazioni di quella sera.
(è successo anche a me ed ai miei amici, nonostante non fosse proprio quello il concerto visto da noi), chi non ha avuto occasione ... può sfruttare questo film di Gavin Elder .
Alla fine parliamo sempre di un concerto di David Gilmour ...
e di un ritorno a Pompei ...

Commenti

IL LIBRO DI MANCIO !!!

IL LIBRO DI MANCIO !!!
Le cose non sono mai quello che sembrano ©

© Copyright 2013 Mancio Mario Ruggiero

ACQUISTA SU

- www.ilmiolibro.it

ACQUISTA ORA: CLICCA QUI!!!

- La Feltrinelli (librerie e/o sito)

- Cartolandia Mola

(Via S.Chiara, 5 - Mola di Bari)

- Francesco Basile Strumenti Musicali

(Via Matteotti, 14 - Taranto )

- Stores esterni (amazon,Apple, Kobo, ecc.)

(versione cartacea Isbn: 9788891066589

ebook Isbn: 9788891066824)

CLICCA "MI PIACE" sulla pagina:

Le cose non sono mai quello che sembrano

www.facebook.com/lecosenonsonomaiquellochesembrano

Puoi acquistare il libro anche dalla stessa pagina facebook:

Clicca QUI: Acquista ora !!!

Top 10 (gli articoli più letti di sempre)